A- A+
Affari Europei
Ue, Conte chiede la riforma dei migranti. Così può cambiare Dublino

Ue: riforma Dublino, in gioco la partita dei migranti

La riforma del regolamento di Dublino sarà una delle priorità della nuova Commissione europea. E c'è il governo Conte bis in prima fila tra quei paesi che chiedono le modifiche per attivare una redistribuzione effettiva con gli arrivi che non sgravvino sempre e solo sui paesi di primo approdo come appunto Italia e Grecia.

Come funziona il regolamento di Dublino sui migranti

Ma che cos'è esattamente il regolamento di Dublino? I regolamenti sono atti giuridici dell'Ue con portata generale (valgono per tutti), applicazione diretta (non hanno bisogno di essere recepiti) e obbligatorietà in tutti i propri elementi. L'attuale regolamento di Dublino (604/2013) definisce quale Paese debba prendere in carico la protezione di un richiedente asilo. Il testo, noto anche come Dublino III, ha sostituito il precedente testo del 2003 che a sua volta era erede della Convenzione di Dublino entrata in vigore nel 1997. La parte piu' controversa del regolamento è quella che impone di presentare la richiesta di asilo nel Paese di prima accoglienza: un principio che scarica il peso dei flussi sulle spalle dei paesi esposti alle rotte del Mediterraneo, come l'Italia e la Grecia.

LE PROPOSTE DI RIFORMA

Il massiccio aumento dei flussi migratori degli ultimi anni ha reso necessaria una riforma del vecchio regolamento. Nel 2018 era stato proposto di rendere volontario il sistema di distribuzione dei profughi e di consentire ai Paesi contrari ad accogliere richiedenti asilo la possibilità di versare del denaro (circa 30mila euro per ogni persona rifiutata) allo Stato d'accoglienza, ma i Paesi baltici e il gruppo di Visegrad (Polonia, Ungheria, Cechia, Slovacchia) si erano opposti. Alla fine è stato raggiunto un accordo minimo sulla gestione dei flussi migratori che prevede il ricollocamento dei migranti tra i Paesi europei su base volontaria e non affronta il tema dell'asilo. L'obiettivo dell'Italia e dei Paesi più esposti è arrivare a un meccanismo automatico di ripartizione che preveda una condivisione equa di responsabilità (quanti richiedenti asilo vanno accolti, Paese per Paese) e solidarietà (l'aiuto da fornire ai Paesi più esposti e le sanzioni da infliggere a chi si defila). 

Commenti
    Tags:
    uecontedublinomigranti
    in evidenza
    Ufo, l'ammissione della US Navy Video veri, oggetti non identificati

    Cronache

    Ufo, l'ammissione della US Navy
    Video veri, oggetti non identificati

    i più visti
    in vetrina
    Eurogames: su Canale 5 tornano i Giochi senza frontiere. Ilary Blasi: "La tv anni '80-'90 era stupenda"

    Eurogames: su Canale 5 tornano i Giochi senza frontiere. Ilary Blasi: "La tv anni '80-'90 era stupenda"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Milano Monza Open-Air Motor Show, a giugno il salone dinamico e democratico

    Milano Monza Open-Air Motor Show, a giugno il salone dinamico e democratico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.