A- A+
Lavori in Casa

Milano, Febbraio 2019 – In occasione della Giornata dedicata al Risparmio Energetico (18 Febbraio 2019), l’Osservatorio di ProntoPro ha analizzato i dati relativi ai certificatori energetici riportando un calo del 15% sul prezzo dell’Attestato di Prestazione Energetica 2018. Lo studio ha approfondito il tema riportando i costi dei servizi più richiesti sul web dedicati a migliorare l’efficientamento energetico casalingo e allo stesso tempo ridurre la spesa in bolletta.

L’attestato di Prestazione Energetica, ha durata decennale e viene redatto da un tecnico abilitato alla progettazione di edifici e impianti come l'architetto, l'ingegnere o il geometra. Esso certifica l’efficienza energetica dell’immobile in caso di affitto o vendita conducendo, tra gli altri, un’analisi di murature, infissi e sistema di riscaldamento. Si tratta di un trend in continua crescita: su ProntoPro i certificatori energetici sono oltre 20.000.

LOsservatorio di ProntoPro evidenzia che la spesa media nazionale per l’APE 2018 è stata pari a 135 euro, ovvero il 15% in meno rispetto al 2017. Da un’analisi condotta per capoluogo di regione, risultano superiori alla media solo Trento (175 euro), Genova (160 euro) e Aosta (140 euro). Tra le altre città la più cara è Milano (135 euro), mentre, la più economica è Napoli (95 euro), seguita da Bari (100 euro), Roma e Ancora (entrambe intorno ai 110 euro).

Ma come ottimizzare i costi? Il servizio più richiesto volto all’efficientamento energetico è la sostituzione degli infissi. Considerando un appartamento con 4-6 finestre, il costo medio è di 2.600 euro che può aumentare di molto a seconda delle dimensioni e del materiale delle finestre. Questo intervento previene infiltrazioni e spifferi e stimola l’isolamento termico per una riduzione del 20% delle spese su climatizzazione e riscaldamento. Nel 2018 il numero di richieste del servizio in tutta Italia è più che raddoppiato rispetto al 2017, non solo nelle metropoli - Milano e Roma triplicano le richieste - ma anche in altri capoluoghi di regione, quali Bologna, Firenze e Bari (dove si registra il +150%).

Al secondo posto, la sostituzione della vecchia caldaia, inquinante e dispendiosa, che richiede un contributo medio di circa 1.600 euro (variabile a seconda dell’impianto scelto), ma permette di risparmiare fino al 30%. I preventivi più alti si registrano a Venezia (2.000 euro), Bologna (1.800 euro) e Torino (1.700 euro).

Commenti
    Tags:
    apecertificazione energetica
    in evidenza
    "Vita in Diretta, misura colma" L'Ad Salini sul piede di guerra

    MediaTech

    "Vita in Diretta, misura colma"
    L'Ad Salini sul piede di guerra

    i più visti
    in vetrina
    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO

    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel Corsa-e: l’elettrica che si carica in modo veloce e semplice

    Opel Corsa-e: l’elettrica che si carica in modo veloce e semplice


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.