A- A+
Politica
Governo M5S-Pd, il programma: tasse, salario minimo, giustizia e... ESCLUSIVO

Di Alberto Maggi  

Mentre i vertici del Movimento 5 Stelle, riuniti da Beppe Grillo, chiudono definitivamente a Matteo Salvini, gli sherpa del Pd e dei pentastellati proseguono nelle discussioni per la stesura del programma del nuvoloso governo, che, a detta di entrambi, dovrà avere come orizzonte la scadenza naturale della legislatura.

Il primo punto di intesa è il rapporto con l'Unione europea declinato nella coalizione Orsola da Romano Prodi (ovvero le forze politiche che hanno votato sì a Ursula Von der Leyen). Critiche a Bruxelles troppo rigida sull'austerità e sul rispetto dei vincoli, ma nessuna guerra e soprattutto nessuna ipotesi di uscita dall'euro. A proposito di Europa fonti dem tengono ad escludere che il commissario italiano posso essere il senatore Matteo Renzi, così come stritto stamattina da La Verità. Non a caso in queste ore due big del M5S come Bonafede e Fraccaro hanno escluso ogni possibilità di sedersi "al tavolo con Renzi e la Boschi". 

Sul fronte delle tasse la via maestra è quella del taglio del cuneo fiscale, punto sul quale non sarà difficile trovare un accordo tra M5S e Pd. Accantonata definitivamente la flat tax leghista. Per quanto concerne il salario minimo i dem sono disposti ad aprire alla proposta dei pentastellati purché, come dicono anche le principali organizzazioni sindacali, resti una parte di autonomia da lasciare alla contrattazione tra le parti.

Passando all'autonomia regionale l'ipotesi di lavoro è quella dell'Emilia Romagna ovvero la concessione anche a Lombardia e Veneto dell'autonomia chiesta dalla Regione a guida Pd, quindi molto meno spinta rispetto alle richieste di Luca Zaia e Attilio Fontana.

Ok del Partito Democratico al provvedimento caro ai 5 Stelle sull'acqua pubblica.

Sul fronte sicurezza il progetto è quello di rivedere i due Decreti voluti da Salvini mentre per quanto riguarda l'immigrazione il punto di incontro è quello della revisione del Trattato di Dublino, come promesso dalla Von der Leyen. In caso di emergenze modello Open Arms, spiegano fonti dem, l'umanità dovrà prevalere sulla politica dei porti chiusi.

Anche sul tema della riforma della giustizia i punti di contatto tra M5S e Pd non mancano. I dem potrebbero accettare una parziale separazione delle carriere (e non radicale come voleva il Carroccio) facilitando quindi la sintesi con la riforma messa a punto dal ministro Alfonso Bonafede.

Quanto al premier nel PD non piace l'idea di un Conte bis perché "chi ha avuto responsabilità dirette di governo con la Lega dovrebbe fare un passo indietro (quindi anche Luigi Di Maio)". Ma su questo punto la trattativa viene rimandata a un eventuale tavolo tra i leader che dovrebbe aprirsi una volta formalizzata la crisi di governo.

Commenti
    Tags:
    governo m5s pdm5spdcontecrisigoverno
    in evidenza
    "Vita in Diretta, misura colma" L'Ad Salini sul piede di guerra

    MediaTech

    "Vita in Diretta, misura colma"
    L'Ad Salini sul piede di guerra

    i più visti
    in vetrina
    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO

    Fabrizio Corona, le prime immagini dal carcere. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel Corsa-e: l’elettrica che si carica in modo veloce e semplice

    Opel Corsa-e: l’elettrica che si carica in modo veloce e semplice


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.